Il Monastero del Cantello, luogo di Spiritualità e di Misericordia

Condividi l'articolo

E’ dal 1407, da quando Santa Guarisca Arrigoni fondò il Monastero del Cantello, di cui resta qualche rudere nel grande giardino che adesso circonda la bella Casa Paolo VI, che questa zona della Valsassina è dedicata alla accoglienza, alla spiritualità, all’aiuto verso i poveri ma anche alla ricerca di sè stessi.

Sono questi i concetti più volte ripetuti, in una bellissima prolusione introduttiva che ha letteralmente incantato i numerosi soci della Unitre Valsassina arrivati qui sopra, che ha ben spiegato Don Franco Provelli, 83 anni, già responsabile del settore educativo dei nuovi Sacerdoti della Diocesi di Milano, arrivato a Concenedo nel 2008, quando la Casa era stata abbandonata da diversi anni e anche un po’ malridotta.

“L’abbiamo rimessa in sesto anche con l’aiuto di tanti benemeriti sostenitori” – ha detto don Franco, anche se ancora oggi ci sarebbe bisogno di rinnovare l’impianto elettrico.
Ma qual è lo scopo di questa “Casa” , una volta intitolata “Casa del Clero”, che sembrava riservata a sacerdoti anziani e in pensione, ma che invece è rivolta a tutti , tanto che don Franco l’ha voluta ribattezzare “Casa Paolo VI” ?

“La caratteristica di questa casa è la pace, il silenzio, la serenità: qui chi vuole può venire anche per diversi giorni, e trovare la pace e la tranquillità per riposare ma soprattutto per ritrovare sé stesso, la sua spiritualità interiore”.
Ad affiancarlo Don Stefano Colombo, 62 anni, già responsabile oratoriano di Lissone, come ha ricordato una socia dell’Unitre proveniente dalla Brianza, il quale da due anni aiuta Don Franco nell’impegno quotidiano di gestire la struttura, insieme ai cuochi e a una quarantina di volontari.

Perché è stata dedicata a Paolo VI ? Qui Don Franco ha ricordato un episodio davvero interessante: “Quando era Cardinale di Milano Giovanni Maria Montini, lui amava moltissimo questa zona della Valsassina. E’ stato proprio lui a raccomandarsi di costruire un bell’edificio che valorizzasse la zona dove sorgeva l’antico Monastero di Guarisca”.

Con la collaborazione dell’allora neo Parroco di Barzio, Don Alfredo Comi, andato più volte in Arcivescovado per sollecitare il progetto, negli anni ’60 è stata costruita questa bella dimora “che ha 17 camere e un grande giardino intorno”.

Poi Montini è diventato Papa, e non ha più avuto la possibilità di tornare in Valsassina.

“Poi però una volta Papa Paolo VI, mentre in piazza del Vaticano stava girando con la “sedia gestatoria” sollevata da robusti portatori (all’epoca non esisteva la “papa mobile”) a un certo punto si ferma perché mi riconosce – dice ancora Don Franco – e riconosce altri prelati valsassinesi in visita a Roma”.
Fa fermare la sedia e si rivolge a noi, e la prima cosa che ci chiede è stata: “Come va il progetto del Cantello ?” .
“Questo per dimostrare che a quel progetto ci teneva eccome: tanto è vero che la Casa è disseminata dappertutto da oggetti e da regali provenienti proprio dal Vaticano, che Papa Paolo VI ci ha fatto recapitare”.

Don Stefano invece è l’anima creativa del gruppo: suona benissimo la chitarra (anche canzoni di Chiesa composte da lui) e disegna quadri e icone a tema religioso.
Una rappresenta un deserto, dentro cui però delle pietre a forma di Chiesa contengono orme e tracce di chi vi è passato e ha ritrovato la sua leggerezza.
Un’altra Gesù che porta la croce, aiutato da Simone di Cirene. Nella raffigurazione in legno però volutamente non si capisce chi sia Gesù e chi il Cireneo.

“Il mio concetto è semplice” ha ribadito don Stefano ” e mi piace molto una frase detta da qualche sociologo: “Vuoi essere egoista ? Fai del bene agli altri” . Fare del bene è l’unico modo per sentirsi contenti e realizzati nella vita” .

Il terzo quadro illustrato da Don Stefano rappresenta Gesù con le stimmate in mezzo ai discepoli suoi amici, compreso San Tommaso, dopo la Resurrezione.

Insomma una visita molto interessante, che ha fatto scoprire una realtà poco nota ma sicuramente molto lodevole in Valsassina, che speriamo possa andare sempre più avanti con il contributo di tutti !

Enrico Baroncelli

Articoli correlati

L’Unitre in visita al COE

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             “La scelta del volontariato è rivoluzionaria perché si pone in netta antitesi non solo con la mentalità più diffusa social-borghese, ma anche con gli orientamenti…

La drammatica storia di Alex in un incontro dell’Uniter Valsassina

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             “Alex era un ragazzo pieno di vita, gioioso, attivissimo , non stava mai fermo un attimo” . Così ha ricordato Alex Crippa la sua mamma,…

Esino Lario, l’Isen celtico di Tolkien

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Il 3 luglio 2024 l’Uniter della Valsassina ha organizzato un incontro con Elio Spada su: “Tolkien si è fermato a Esino”, con l’introduzione storica del…

Ricordate le Battaglie di Solferino e San Martino

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Non avrebbero potuto essere ricordate in modo più adeguato, le battaglie di Solferino e San Martino, svoltesi il 24 Giugno del 1859, se non da…

Le battaglie di Solferino e San Martino

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Undici anni dopo le battaglie di Solferino e San Martino, svoltesi il 24 Giugno del 1859, i poveri resti di circa 7.000 caduti in battaglia,…

C’è qualche speranza per Tartavalle

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Innanzitutto un doveroso ringraziamento al neo riconfermato Sindaco di Taceno, Alberto Nogara, per la sua partecipazione all’incontro sulle Terme di Tartavalle organizzato mercoledi pomeriggio dall’Università…