Adesivi col 1522 contro la violenza sulle donne

Condividi l'articolo

VIOLENZA DONNE, ADESIVI CON NUMERO DI TELEFONO 1522 NEI PRINCIPALI RISTORANTI DA CHIAMARE IN CASO DI EMERGENZA

Non sei sola, lasciati aiutare‘ è l’iniziativa promossa dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità e realizzata con la collaborazione dell’associazione Differenza Donna che da luglio 2020 è partner del numero nazionale, dell’adesivo che ricorda il numero di telefono, sempre attivo, da chiamare in caso di emergenza.

Lo scopo è infatti quello di promuovere consapevolezza e rivolgere l’attenzione alle donne coinvolte in situazioni di violenza, offrendo loro il sostegno di cui hanno bisogno. Tra i primi locali ad aderire, il McDonald’s di Cinisello Balsamo (MI) dove la proposta è stata illustrata all’assessore al Territorio e Sistemi verdi della Regione Lombardia Gianluca Comazzi.

“Questa iniziativa – ha detto – è un passo significativo verso la creazione di una comunità più consapevole e solidale, pronta ad affrontare e sostenere coloro che si trovano in contesti di violenza. Regione Lombardia lavora da anni, instancabilmente, per contrastare questo fenomeno con iniziative, campagne di sensibilizzazione e stanziamenti di fondi mirati. Sono molto orgoglioso di quello che abbiamo fatto in questi anni. Continueremo a lavorare con determinazione per proteggere i diritti e la sicurezza di tutte le donne”.

Lo scorso novembre è stato inoltre firmato un Protocollo d’Intesa tra la Regione, l’Ordine degli Avvocati di Milano e l’Unione Lombarda degli Ordini Forensi grazie al quale sono stati messi a disposizione quasi 10 milioni di euro ai 54 Centri anti violenza (Cav) e alle 141 case rifugio e di accoglienza. L’intesa è finalizzata alla realizzazione di interventi di prevenzione e contrasto della violenza contro le donne volti a favorire l’assistenza legale gratuita a sostegno delle vittime di violenza. E’ inoltre prevista l’attivazione di percorsi formativi rivolti agli avvocati lombardi nel periodo tra gennaio 2024 e gennaio 2025 con uno stanziamento di 300 mila euro. Un’altra misura importante è l’avvio di un programma sperimentale per l’individuazione di alloggi Aler in favore delle donne vittime di violenza. Tutto ciò per favorire l’autonomia abitativa grazie ad una dotazione complessiva pari ad 1,5 milioni di euro. (LNews)

Articoli correlati

Anche la Lombardia al Vinitaly di Verona

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             LOMBARDIA AL VINITALY, NUOVO MASSIMO STORICO PER L’EXPORT A 327 MILIONI ‘I vini di Lombardia – ha commentato il presidente Attilio Fontana – sono i…

Collaborazione tra Lombardia e Cantone dei Grigioni

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             CANTONE DEI GRIGIONI, PRESIDENTE FONTANA E ASSESSORE SERTORI: CONFRONTO SU APERTURA VALICHI ALPINI, PROGETTI INTERREG, FRONTALIERI E SVILUPPO TERRITORI CONFINANTI PRIMO APPUNTAMENTO A MILANO TRA…

Una raccolta-firme da Azione per salvare il SSN

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo              Firma anche tu la petizione per salvare il Servizio Sanitario Nazionale La sanità pubblica è un pilastro del nostro Stato e la sua salvaguardia è…

CGIL Lecco – Prosegue la raccolta firme sulla sanit

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Prosegue la raccolta firme de “La Lombardia SiCura”, una campagna promossa da associazioni, sindacati e partiti politici che vuole dare voce ai cittadini lombardi sul…

Alcol e droga al volante. Metti un freno!

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Evento streaming dal 09 Aprile 2024 ore 10:00 al 09 Aprile 2024 ore 13:30 Martedì 9 aprile si terrà a Palazzo Lombardia un convegno per…

Bertolaso in Sud America a cercare infermieri

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             SANITÀ, PROSEGUE MISSIONE ASSESSORE BERTOLASO IN SUD AMERICA: OBIETTIVI, SVILUPPARE COOPERAZIONE E ‘RECLUTARE’ INFERMIERI “RESTA PRIORITARIA LA VALORIZZAZIONE DEI SANITARI CHE GIÀ LAVORANO E OPERANO…