Il fiore del velcro

Condividi l'articolo

Quello riprodotta nella foto è il fiore del velcro. No, non sono in preda ai fumi dell’alcool. Lo capirete fra qualche riga. Si tratta della bardana maggiore o arctium lappa, come dicono quelli che ne sanno. Dalle nostre parti la chiamano, più o meno, strapacaviiper la sua fastidiosa e infallibile tendenza ad agganciarsi tenacemente, con i suoi numerosissimi uncini, ai capelli, ai vestiti e al pelo di pecore, capre e dei nostri cani. Oltre ad essere esteticamente appagante la bardana possiede anche notevoli doti tecnologiche. È proprio così.

Senza la bardana oggi la nostra civiltà post industriale sarebbe priva di uno dei suoi più diffusi e preziosi ritrovati, di uso comunissimo e di insostituibile praticità. Ed eccoci al velcro, quella semplice striscia che spesso sostituisce con profitto le cerniere lampo e i bottoni automatici. Avete presente? Ecco. Senza la bardana il velcro non esisterebbe proprio, perché è stato “inventato” nel 1948 dall’ingegnere svizzero Georges de Mestralche tornando da una scampagnata scoprì di avere, tenacemente appiccicati ai suoi indumenti, alcuni piccoli fiori rossi.

L’uomo li esaminò al microscopio che gli rivelò il segreto della bardana: centinaia di minuscoli unciniagganciati ai peli della giacca. Il passo successivo, la produzione industriale del velcro, fu questione di qualche anno. Un’ultima curiosità. Il nome velcro, diventato dagli anni Cinquanta un marchio registrato, nasce dall’unione di due termini francesi: velours (velluto) e crochet (uncino). Appunto.

Elio Spada

Articoli correlati

A tutta birra !

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Questa è una pannocchia di humulus lupulus. E quando vi scolate una buona birra bevete una notevole quantità di essenze prodotte da questa pianta che…

I FIORELLINI BIANCHI DI ATTILA

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Belli e delicatamente candidi. Sono i fiori della Reynoutria Japonica, più nota come Poligono giapponese o Canna del Giappone. Pianta aliena, insomma, che sta invadendo…

LA PIANTA COL CIANURO

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Ce n’è una gran quantità anche da noi. Lungo le cancellate e le reti dei giardini si possono notare a primavera inoltrata le sue fitte…

LA TROMBETTA DI MONET

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Lo chiamano “trombetta della Madonna” forse a causa del bell’azzurro – viola dei petali. Ma anche “giglio africano” per le sue origini. Sta di fatto…

Il fiore del Formaggio

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Con quest’erbetta dai leggiadri fiorellini bianchi si fa il formaggio. Non c’è niente da ridere. È proprio così. Lo dice il suo nome comune: caglio…

IL FIORE CON L’ELMO

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Il nome è pomposo e oscuro, come spesso accade con l’onomastica botanica: galeopsis pubescens. Ma è comunemente nota come canapetta. Il fiore ricorda vagamente l’orchidea…