La Cisl contraria a ulteriore privatizzazione Poste

Condividi l'articolo

La CISL POSTE di Lecco condivide pienamente le dichiarazioni del Segretario Regionale Antonio Rizzo,
che ha espresso contrarietà verso ulteriori cessioni di quote azionarie di Poste Italiane.
È stata avviata una intensa attività di mobilitazione e sensibilizzazione della cittadinanza e delle istituzioni
per scongiurare tale iniziativa.
Una totale privatizzazione del patrimonio pubblico potrebbe prefigurare infatti la riduzione dei presidi
territoriali della attuale rete, con la chiusura di uffici considerati poco redditizi, contraendo sensibilmente
la possibilità di accesso al servizio universale: tutto a svantaggio della collettività e delle fasce più deboli.
I servizi pubblici essenziali devono restare un bene comune, accessibili e affidabili per tutti i cittadini; on
si può dimenticare certo il ruolo assunto da Poste durante l’emergenza sanitaria, nella gestione delle tessere di sostegno al reddito, proprio grazie alla sua capillarità e connotazione sociale.

La dirigenza continua a diffondere dati molto rassicuranti sulla salute generale aziendale, pubblicizza nuovi servizi anche di recapito e di logistica; tuttavia la Provincia di Lecco vive da troppo tempo una cronica carenza di personale (mancano circa 30 tra impiegati e direttori) che non riesce ad essere nascosta neppure dal perdurare delle cosiddette razionalizzazioni COVID; esistono ancora troppi uffici che osservano aperture settimanali ridotte con grave danno per i cittadini e per gli stessi lavoratori

Il settore di recapito, a dispetto delle grandi dichiarazioni dell’ultimo periodo, continua ad impiegare un
esercito di Part Time involontari che non è sufficiente a colmare la carenza di addetti che supera le 25 unità, e a farne le spese è la qualità del servizio percepito dai cittadini.
Insomma sembra che Poste Italiane stia facendo le prove tecniche di quello che sarà il servizio offerto dopo la ulteriore trance di privatizzazione messa in capo per meri scopi di lucro dall’attuale Governo: ecco perché deve esser scongiurata.

Antonio Pacifico
Segreteria SLP-CISL
Segreteria Terr. Monza Brianza e Lecco

INFORMAZIONI UTILI
Due divisioni organizzative:
Mercato Privati – Uffici Postali e settore Finanziario: 93 uffici postali di cui circa 30 monoperatore, circa
210 tra impiegati e direttori
PCL – Settore Recapito: 6 Centri di Distribuzione (Ballano, Lecco, Calolziocorte, Merate, Barzanò,
Valmadrera), circa 200 addetti

Articoli correlati

Anche la Lombardia al Vinitaly di Verona

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             LOMBARDIA AL VINITALY, NUOVO MASSIMO STORICO PER L’EXPORT A 327 MILIONI ‘I vini di Lombardia – ha commentato il presidente Attilio Fontana – sono i…

Collaborazione tra Lombardia e Cantone dei Grigioni

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             CANTONE DEI GRIGIONI, PRESIDENTE FONTANA E ASSESSORE SERTORI: CONFRONTO SU APERTURA VALICHI ALPINI, PROGETTI INTERREG, FRONTALIERI E SVILUPPO TERRITORI CONFINANTI PRIMO APPUNTAMENTO A MILANO TRA…

Una raccolta-firme da Azione per salvare il SSN

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo              Firma anche tu la petizione per salvare il Servizio Sanitario Nazionale La sanità pubblica è un pilastro del nostro Stato e la sua salvaguardia è…

CGIL Lecco – Prosegue la raccolta firme sulla sanit

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Prosegue la raccolta firme de “La Lombardia SiCura”, una campagna promossa da associazioni, sindacati e partiti politici che vuole dare voce ai cittadini lombardi sul…

Alcol e droga al volante. Metti un freno!

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Evento streaming dal 09 Aprile 2024 ore 10:00 al 09 Aprile 2024 ore 13:30 Martedì 9 aprile si terrà a Palazzo Lombardia un convegno per…

Bertolaso in Sud America a cercare infermieri

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             SANITÀ, PROSEGUE MISSIONE ASSESSORE BERTOLASO IN SUD AMERICA: OBIETTIVI, SVILUPPARE COOPERAZIONE E ‘RECLUTARE’ INFERMIERI “RESTA PRIORITARIA LA VALORIZZAZIONE DEI SANITARI CHE GIÀ LAVORANO E OPERANO…