L’AGLIO CHE PIACE AGLI ORSI

Condividi l'articolo

Fiorisce, da noi, già nella prima metà di maggio. È distribuito dapprima in folte colonie di lunghe foglie fitte e lanceolate di un bel verde scuro. Se ne trovano popolazioni estese lungo i bordi della pista ciclabile di Introbio, in zone ombrose e umide. Poi nel giro di due o tre giorni, si verifica una esplosione di minuscoli fiori odorosi, simili a candidi lapilli. È l’aglio orsino (allium ursinum), parente stretto dell’aglio comune e simile a questo soprattutto per l’odore pungente caratteristico che emanano foglie e fiori utilizzabili anche in cucina, proprio come il fratello più famoso.

Ma fate molta attenzione: le foglie sono simili a quelle del mughetto, essenza tossica che può produrre effetti anche gravi se ingerita. Quindi se volete farvi una frittata all’aglio, rivolgetevi all’ortolano e lasciate perdere il fai da te. Dimenticavo: si chiama ursino forse perché gli orsi quando escono dal letargo invernale, se ne cibano volentieri. Ma non ne sono sicuro.

Elio Spada

Articoli correlati

I FIORELLINI BIANCHI DI ATTILA

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Belli e delicatamente candidi. Sono i fiori della Reynoutria Japonica, più nota come Poligono giapponese o Canna del Giappone. Pianta aliena, insomma, che sta invadendo…

LA PIANTA COL CIANURO

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Ce n’è una gran quantità anche da noi. Lungo le cancellate e le reti dei giardini si possono notare a primavera inoltrata le sue fitte…

LA TROMBETTA DI MONET

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Lo chiamano “trombetta della Madonna” forse a causa del bell’azzurro – viola dei petali. Ma anche “giglio africano” per le sue origini. Sta di fatto…

Il fiore del Formaggio

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Con quest’erbetta dai leggiadri fiorellini bianchi si fa il formaggio. Non c’è niente da ridere. È proprio così. Lo dice il suo nome comune: caglio…

IL FIORE CON L’ELMO

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Il nome è pomposo e oscuro, come spesso accade con l’onomastica botanica: galeopsis pubescens. Ma è comunemente nota come canapetta. Il fiore ricorda vagamente l’orchidea…

Il fiore del velcro

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Quello riprodotta nella foto è il fiore del velcro. No, non sono in preda ai fumi dell’alcool. Lo capirete fra qualche riga. Si tratta della…