I FIORELLINI BIANCHI DI ATTILA

Condividi l'articolo


Belli e delicatamente candidi. Sono i fiori della Reynoutria Japonica, più nota come Poligono giapponese o Canna del Giappone. Pianta aliena, insomma, che sta invadendo l’Occidente europeo e non solo quello con effetti disastrosi perché si sostituisce sempre, scacciandole, alle essenze vegetali autoctone. Dove c’è lei non cresce più l’erba. Proprio come Attila perché le sue radici emettono sostanze tossiche che uccidono tutta la vegetazione erbacea circostante mentre il fitto ombrello costituito dalle foglie impedisce alla luce del sole di raggiungere il terreno e ai semi delle piante autoctone di attecchire.

A Introbio, lungo la pista ciclabile, se ne trovano vaste popolazioni nei pressi del ponte sul Pioverna. In Italia Reynoutria Japonica , importata a scopi ornamentali negli Anni 70 del secolo scorso, si è rapidamente diffusa ovunque. Lungo le sponde dei nostri fiumi e torrenti se ne incontrano fitte e vaste colonie che raddoppiano di superficie ad ogni primavera. Pianta infestante e pericolosa, insomma, nonostante la leggiadria delle sue infiorescenze.

Secondo l’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura e delle Risorse Naturali si tratta di una delle specie vegetali più invasive al mondo. In Gran Bretagna ne è proibita la coltivazione mentre negli Usa il “Poligono” ha invaso i terreni incolti di 39 stati su 50. Riconoscerlo è facile poiché gli steli sono costituiti da canne cave segmentate simili al bambù e possono raggiungere l’altezza di tre metri.

Articoli correlati

L’ALTRA STELLA ALPINA

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Sembra un puntaspilli. O, meglio, una stella con striature fucsia intenso. Questa splendida infiorescenza appartiene a un’Astrantia major. L’esemplare nella foto è stato immortalato qualche…

IL FIORE MORTALE DI HARRY POTTER

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             L’esemplare di Aconito nella foto è stato ripreso a quota 2000 metri, nei pressi della bocchetta di Camisolo nei pressi del rifugio Grassi. Non capita…

A tutta birra !

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Questa è una pannocchia di humulus lupulus. E quando vi scolate una buona birra bevete una notevole quantità di essenze prodotte da questa pianta che…

LA PIANTA COL CIANURO

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Ce n’è una gran quantità anche da noi. Lungo le cancellate e le reti dei giardini si possono notare a primavera inoltrata le sue fitte…

LA TROMBETTA DI MONET

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Lo chiamano “trombetta della Madonna” forse a causa del bell’azzurro – viola dei petali. Ma anche “giglio africano” per le sue origini. Sta di fatto…

Il fiore del Formaggio

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Con quest’erbetta dai leggiadri fiorellini bianchi si fa il formaggio. Non c’è niente da ridere. È proprio così. Lo dice il suo nome comune: caglio…