IL FILO CHE UNISCE

Condividi l'articolo

L’opera benefica di alcune volontarie della Valsassina

Lei si è iscritta all’Università della Terza Età, perché vuole nutrirsi di stimoli nuovi, percorrere sentieri inesplorati, mentre il suo pensiero e il suo cuore non smettono mai di seguire il filo.

Già, il filo dei gomitoli, quello che intreccia con instancabile tenacia insieme ad altre volontarie del luogo, per realizzare sciarpe, calze, indumenti e coperte a beneficio dei bambini ammalati.

Questa meravigliosa prospettiva rimanda a qualche considerazione.

Nell’immaginario collettivo, anche grazie ai poemi e ai racconti, si evidenziano figure femminili intente a filare la lana, a tessere o a cucire. La Penelope di Omero realizza la tela di giorno e la disfa di notte per ingannare i Proci, la Silvia di Leopardi percorre con la mano veloce la faticosa tela, la Signorina Felicita di Gozzano cuce i lini. Per non parlare della Parca del villaggio che intesse l’infanzia di Luzi con quella della madre del poeta, il quale vuole offrirci simboliche suggestioni.

Insomma, quando gli autori di miti antichi o moderne figure si propongono di denominare le mansioni domestiche di una donna, vanno subito col pensiero a questa attività, una mitopoiesi, al contempo elevata e gravida di necessità.

La preziosa arte di intrecciare il filo per produrre capi d’abbigliamento e altri generi di diversa utilità è giunta fino ai nostri giorni, anche come lavoro a domicilio che si traduce nell’uso di ferri e uncinetto. Perpetuare abitudini da eredità raccolte, perseguire scopi umanitari, favorire il proprio stato di benessere non solo di tipo interiore ma anche fisico, dal momento che il lavoro a maglia stimola le endorfine, sono alcuni dei fini benefici che possiamo individuare.

Chi coltiva l’attitudine del lavoro a maglia, si sente sempre dentro quel filo che attorciglia per migliaia di metri in svariati modi. E naturalmente di quei gomitoli ne occorrono tanti.

Carla, che viaggia lungo le rotte dei suoi provvidenziali intrecci, posizionerà una scatola in qualche luogo strategico della zona per raccogliere un po’ di quel filo che permetterà a lei e ad altre volontarie di avvolgere, nel calore di un gesto gratuito, piccole e fragili vite.

Teresa Cassani

Articoli correlati

A Lecco il Congresso di Oceanologia

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Acqua: elemento vitale, risorsa essenziale. Condividere la conoscenza per affrontare il cambiamento. Dal 24 al 28 giugno prossimi, nella sala don Ticozzi di Lecco, si…

Una donna alla guida dell’Università Cattolica di Milano

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             BECCALLI NOMINATA RETTRICE UNIVERSITÀ CATTOLICA, PRESIDENTE FONTANA: DONNA DI GRANDE VALORE, REGIONE LOMBARDIA PRONTA A COLLABORARE “Mi complimento con la professoressa Elena Beccalli per la…

A Bergamo la Consulta per il Dialogo Interreligioso

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Si è insediata ieri a Bergamo, nella chiesa degli Ex Ospedali Riuniti, la Consulta regionale per l’integrazione e la promozione del dialogo interreligioso, presieduta per…

Anche la Valsassina nei progetti di Servizio Civile

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE: PRESENTATI PROGRAMMI E PROGETTI La Provincia di Lecco ha depositato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della Gioventù e del Servizio…

Trasporto bici anche in Pullman

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Trasporto bici anche in Pullman

6 Giugno 1944, Il Giorno più lungo

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Certamente oggi è un giorno storico, che ha segnato lo svolgimento della II Guerra Mondiale: ottanta anni dal “Giorno più lungo” il D-DAY , lo…