LA PIANTA COL CIANURO

Condividi l'articolo

Ce n’è una gran quantità anche da noi. Lungo le cancellate e le reti dei giardini si possono notare a primavera inoltrata le sue fitte infiorescenze bianche, costituite da piccoli fiori a cinque petali, e le foglie permanenti lanceolate con bordi finemente dentellati. Si chiama Photinia che in greco significa “splendente” a causa del colore rosso intenso assunto dalle foglie di alcune varietà durante la stagione della fioritura. Ma fate attenzione. Molte photinie presentano bacche e foglie velenose a causa della presenza di acido cianidrico, tossina che si trova anche nei noccioli di pesche, susine e prugne. Meglio guardare e non toccare.

Articoli correlati

L’ALTRA STELLA ALPINA

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Sembra un puntaspilli. O, meglio, una stella con striature fucsia intenso. Questa splendida infiorescenza appartiene a un’Astrantia major. L’esemplare nella foto è stato immortalato qualche…

IL FIORE MORTALE DI HARRY POTTER

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             L’esemplare di Aconito nella foto è stato ripreso a quota 2000 metri, nei pressi della bocchetta di Camisolo nei pressi del rifugio Grassi. Non capita…

A tutta birra !

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Questa è una pannocchia di humulus lupulus. E quando vi scolate una buona birra bevete una notevole quantità di essenze prodotte da questa pianta che…

I FIORELLINI BIANCHI DI ATTILA

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Belli e delicatamente candidi. Sono i fiori della Reynoutria Japonica, più nota come Poligono giapponese o Canna del Giappone. Pianta aliena, insomma, che sta invadendo…

LA TROMBETTA DI MONET

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Lo chiamano “trombetta della Madonna” forse a causa del bell’azzurro – viola dei petali. Ma anche “giglio africano” per le sue origini. Sta di fatto…

Il fiore del Formaggio

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Con quest’erbetta dai leggiadri fiorellini bianchi si fa il formaggio. Non c’è niente da ridere. È proprio così. Lo dice il suo nome comune: caglio…