Zamperini chiede lo stato di emergenza per la provincia di Lecco

Condividi l'articolo

Danni e viabilità in tilt in provincia di Lecco, anche nella giornata di giovedi 16 maggio, dopo la seconda ondata di maltempo che avrebbe fatto alzare ai massimi storici il livello del lago. Nell’oggionese la strada provinciale 49, Molteno-Oggiono, è stata chiusa ed il traffico si è riversato sulla Sp51 Casatenovo-Lecco e, in parte, sulla statale 36. Si sono ripetuti quindi i disagi della sera precedente.  Carreggiata della 342 ancora invasa dall’acqua, soprattutto nella zona di Nibionno dove già era stata inondata il pomeriggio precedente e dove il Bevera pasa più vicino alla strada, cioè all’altezza di Bulciago.
Nel Casatese e meratese chiuse le strade provinciali 54 e 58 a causa dello smottamento verificatosi nel pomeriggio di mercoledì tra Montevecchia e Missaglia.
Chiusa per uno smottamento di terra anche la Sp 58 che collega Colle Brianza con Santa Maria Hoè.
 
Chiusa in via temporanea anche l’alzaia sull’Adda, dove si sono registrate le cadute di numerosi alberi.
Nella notte tra mercoledì e giovedì, inoltre, si sono verificati numerosi allagamenti, che hanno costretto i Vigili del fuoco ad un lavoro immane.
Anche i poliambulatori dell’ospedale Mandic di Merate invasi dall’acqua.
Sull’argomento è intervenuto il Consigliere Regionale lecchese, Giacomo Zamperini.

«Il territorio lecchese, già in passato tra i più colpiti della Regione, è stato nuovamente interessato da eventi meteorologici avversi.
Quanto successo in varie zone della Provincia a seguito delle ondate di maltempo degli ultimi giorni dimostra la necessità di un intervento rapido ed urgente, da un lato per porre rimedio ai danni già causati e dall’altro per prevenire ulteriori disagi. Per questo, mi sono prontamente attivato depositando una mozione urgente con la quale si chiede agli assessori regionali competenti di domandare al Governo lo stato di emergenza, di istituire un tavolo con le Amministrazioni Comunali per la quantificazione dei danni, per valutare la richiesta di contributi, assicurando tempi rapidi nelle procedure di erogazione e di valutare l’opportunità di integrare gli eventuali contributi statali con risorse regionali.
Desidero ringraziare i Vigili del Fuoco, la Protezione Civile e tutti quelli che si stanno prodigando senza sosta in questi giorni critici dando un apporto fondamentale per il superamento dell’emergenza.»

Articoli correlati

A Lecco il Congresso di Oceanologia

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Acqua: elemento vitale, risorsa essenziale. Condividere la conoscenza per affrontare il cambiamento. Dal 24 al 28 giugno prossimi, nella sala don Ticozzi di Lecco, si…

Una donna alla guida dell’Università Cattolica di Milano

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             BECCALLI NOMINATA RETTRICE UNIVERSITÀ CATTOLICA, PRESIDENTE FONTANA: DONNA DI GRANDE VALORE, REGIONE LOMBARDIA PRONTA A COLLABORARE “Mi complimento con la professoressa Elena Beccalli per la…

A Bergamo la Consulta per il Dialogo Interreligioso

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Si è insediata ieri a Bergamo, nella chiesa degli Ex Ospedali Riuniti, la Consulta regionale per l’integrazione e la promozione del dialogo interreligioso, presieduta per…

Anche la Valsassina nei progetti di Servizio Civile

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE: PRESENTATI PROGRAMMI E PROGETTI La Provincia di Lecco ha depositato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della Gioventù e del Servizio…

Trasporto bici anche in Pullman

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Trasporto bici anche in Pullman

6 Giugno 1944, Il Giorno più lungo

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Certamente oggi è un giorno storico, che ha segnato lo svolgimento della II Guerra Mondiale: ottanta anni dal “Giorno più lungo” il D-DAY , lo…