Viva il 2 Giugno, la Festa della Repubblica !

Condividi l'articolo

Sono convinto che se si fosse votato per il Referendum sulla Monarchia o la Repubblica nel 1919, la Monarchia avrebbe prevalso di almeno il 90 % .
Già nel 1946 lo scarto fu sostanzialmente abbastanza ridotto: solo due milione di voti in più per la Repubblica, i promotori se ne aspettavano molti di più, con scarti più pesanti in Lombardia, Piemonte e Toscana (al Sud addirittura vinse la Monarchia).
Anche in Valsassina vinse ampiamente la Monarchia (solo nel Comune di Barzio i voti Repubblicani furono superiori).

Perchè dico questo ? Perchè se c’è uno Stato unitario italiano, a partire dal 1861, il merito fu quasi esclusivamente dei Savoia : e cioè del coraggio di Carlo Alberto, che nel 1848 sfidò impudentemente lo strapotere dell’Austria-Ungheria, perdendo poi nelle battaglie di Novara e a Custoza, e della fortuna di Vittorio Emanuele II, che ebbe in Cavour un abilissimo tessitore.

Non vinsero, e dico purtroppo, gli ideali repubblicani di Giuseppe Mazzini, non vinse neppure l’idea federalista di un Carlo Cattaneo da Milano (che avrebbe anticipato di un secolo e passa l’Italia delle Regioni) . Vinse il centralismo monarchico, fondato sul Regno dei Savoia. Punto.

Di per sè in verità i re savoiardi non fecero molto per meritarsi questo onore. Vittorio Emanuele II, distratto dalla bella Rosina, era più che altro dedito ai piaceri della caccia e della carne (anche nel senso culinario!).
Un “viveur”, per il quale Roma era lontanissima (fino all’Unità d’Italia non era mai sceso più a Sud di Genova, anche se il suo dominio si chiamava “Regno di Sardegna”) e gli impegni ufficiali li considerava una gran noia !
Umberto I fu quello che fece cannoneggiare dal Generale Bava Beccaris gli operai milanesi che protestavano per il caro pane, in piazza Duomo nel 1898, e per questo fu ucciso a Monza dall’anarchico pratese Gaetano Bresci (nella mia Prato e a Massa Carrara volevano fargli un monumento !)

Vittorio Emanuele III era partito anche benino, dando il Governo a un Liberale illuminato come Giovanni Giolitti, ma continuò malissimo.
Sua, come già scritto, l’idea di entrare nella I Guerra Mondiale capovolgendo le alleanze (il “Re Guerriero”).
Gli andò bene (sia pure col sacrificio di centinaia di migliaia di giovani italiani). Nel primo dopoguerra il suo consenso era altissimo.
Ma da allora sbagliò tutto: sua la decisione di non fermare la “Marcia su Roma”, il 28 Ottobre 1922 , rifiutando di firmare lo “Stato d’assedio”, che avrebbe mobilitato l’Esercito contro le bande dei Fascisti.
Sua la decisione di chiamare al Governo con un telegramma Benito Mussolini, che il giorno dopo arrivò a Roma in vagone-letto.
Sua l’acquiescenza con cui per venti anni non solo tollerò ma anche controfirmò tutte le nefandezze del Fascismo (dall’abolizione della Democrazia, dei Partiti, dei Sindacati, la repressione ideologica ecc.) e persino le orribili “Leggi Razziali” contro gli Ebrei nel 1938.

Non ebbe obiezioni sulla decisione di entrare in guerra il 10 Giugno 1940, e per tre anni, nonostante gli evidenti disastri causati dal Regime, fu molto indeciso su come comportarsi con “il Duce”, in particolare dal Febbraio del 1943, quando ormai era chiaro che si andava al disastro, fino al 25 Luglio, quando ci volle un gerarca come Dino Grandi per convincerlo all’azione.

Sua la decisione di imprigionare Mussolini (cosa forse inutile che ne fece una vittima) e, insieme a Badoglio, soprattutto la disastrosa gestione dell’uscita dall’alleanza con la Germania, gestita tra mille ambiguità e dichiarazioni fasulle, che ebbe l’epilogo nell’8 Settembre, con la ignominiosa fuga a Brindisi, in territorio liberato dagli Alleati.

Insomma a dirla chiara non ne azzeccò una ! Anche il tentativo di scaricare la corona sul povero Umberto II e la sua consorte Maria Josè, “il Re e la Regina di Maggio” , con la sua abdicazione nel 1946, non fece un gran bell’effetto.

Il risultato fu che i Savoia, i veri creatori dell’Italia, persero la Corona. Dal 2 Giugno quindi siamo Repubblica ! Probabilmente meglio così : Viva sempre la Repubblica !

Enrico Baroncelli

Articoli correlati

Le battaglie di Solferino e San Martino

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Undici anni dopo le battaglie di Solferino e San Martino, svoltesi il 24 Giugno del 1859, i poveri resti di circa 7.000 caduti in battaglia,…

C’è qualche speranza per Tartavalle

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Innanzitutto un doveroso ringraziamento al neo riconfermato Sindaco di Taceno, Alberto Nogara, per la sua partecipazione all’incontro sulle Terme di Tartavalle organizzato mercoledi pomeriggio dall’Università…

Le Terme di Tartavalle

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Ricordo che oggi pomeriggio, alle ore 16, si terrà in Comunità Montana l’incontro con Silvia Tenderini sul ruolo delle Terme in montagna e in specifico…

IL RAPPORTO TRA UOMINI E CANI

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Informazioni molto utili e importanti soprattutto per i neo proprietari di cani, ma anche per chi di cani è già esperto, sono state fornite mercoledi…

Ventotene: l’origine dell’idea di Europa

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             “Nel 1941-42 si trovarono sull’isola di Ventotene, mandati al confino dal regime fascista ancora per poco vigente, alcuni intellettuali antifascisti tra cui Altiero Spinelli” ha…

Prossimi incontri all’Unitre

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Nell’approssimarsi di un week end abbastanza ricco di avvenimenti, che forse ci salveranno dalla uggiosità e dalla depressione di un Maggio superpiovoso e di una…