Greenpeace: Salviamo le Api !

Condividi l'articolo

SALVIAMO LE API E GLI IMPOLLINATORI DAI PESTICIDI

Le api e molti insetti impollinatori sono in declino, minacciati da pesticidi, perdita di habitat, monocolture, parassiti, malattie e cambiamenti climatici.

Se le api muoiono, a farne le spese sono l’ambiente, l’agricoltura e il nostro cibo. Le api, infatti, non producono solo miele: dalla loro opera di impollinazione – insieme a quella di molti altri insetti pronubi – dipende un terzo degli alimenti che consumiamo abitualmente – come mele, fragole, pomodori e mandorle – e la produttività del 75% delle nostre principali colture agricole. In Europa, infatti, abbiamo circa 2000 specie di api selvatiche e circa un terzo delle popolazioni di api e farfalle sono in declino.

L’attuale sistema di agricoltura industriale basato sulla dipendenza dai pesticidi chimici, come i neonicotinoidi, non è più sostenibile!

Il 27 aprile 2018 l’Unione Europea ha approvato il bando permanente di tre insetticidi neonicotinoididannosi per le api e gli impollinatori: l’imidacloprid e il clothianidin della Bayer e il tiamethoxam della Syngenta.

Il loro utilizzo resta però consentito all’interno di serre permanenti. Inoltre, è ancora consentito l’uso di altri neonicotinoidi: acetamiprid, thiacloprid, sulfoxaflor e flupyradifurone e altre sostanze quali cipermetrina, deltametrina e clorpirifos, tutti insetticidi potenzialmente pericolosi per le api e gli altri insetti impollinatori.

PER QUESTO CHIEDIAMO AL GOVERNO ITALIANO E ALLA COMMISSIONE EUROPEA DI:
bandire l’uso di tutti i pesticidi dannosi per le api e gli altri insetti impollinatori
applicare rigidi standard per la valutazione dei rischi da pesticidi
aumentare i finanziamenti per la ricerca, lo sviluppo e l’applicazione di pratiche agricole ecologiche
Sempre più studi confermano che i neonicotinoidi danneggiano non solo le api, ma anche i bombi, le farfalle, gli insetti acquatici e persino gli uccelli, con possibili ripercussioni su tutta la catena alimentare.

Dobbiamo agire subito!

Unisciti a noi per fare pressione su Governo italiano e Commissione Europea, firma ora la petizione.

Greenpeace

Articoli correlati

Anche la Lombardia al Vinitaly di Verona

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             LOMBARDIA AL VINITALY, NUOVO MASSIMO STORICO PER L’EXPORT A 327 MILIONI ‘I vini di Lombardia – ha commentato il presidente Attilio Fontana – sono i…

Collaborazione tra Lombardia e Cantone dei Grigioni

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             CANTONE DEI GRIGIONI, PRESIDENTE FONTANA E ASSESSORE SERTORI: CONFRONTO SU APERTURA VALICHI ALPINI, PROGETTI INTERREG, FRONTALIERI E SVILUPPO TERRITORI CONFINANTI PRIMO APPUNTAMENTO A MILANO TRA…

Una raccolta-firme da Azione per salvare il SSN

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo              Firma anche tu la petizione per salvare il Servizio Sanitario Nazionale La sanità pubblica è un pilastro del nostro Stato e la sua salvaguardia è…

CGIL Lecco – Prosegue la raccolta firme sulla sanit

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Prosegue la raccolta firme de “La Lombardia SiCura”, una campagna promossa da associazioni, sindacati e partiti politici che vuole dare voce ai cittadini lombardi sul…

Alcol e droga al volante. Metti un freno!

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Evento streaming dal 09 Aprile 2024 ore 10:00 al 09 Aprile 2024 ore 13:30 Martedì 9 aprile si terrà a Palazzo Lombardia un convegno per…

Bertolaso in Sud America a cercare infermieri

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             SANITÀ, PROSEGUE MISSIONE ASSESSORE BERTOLASO IN SUD AMERICA: OBIETTIVI, SVILUPPARE COOPERAZIONE E ‘RECLUTARE’ INFERMIERI “RESTA PRIORITARIA LA VALORIZZAZIONE DEI SANITARI CHE GIÀ LAVORANO E OPERANO…