ANZIANI: IL DIRITTO DI NON ESSERE LASCIATI SOLI

Condividi l'articolo

Burocrazia digitale: aumentano il numero e la complessità delle procedure, e di conseguenza le difficoltà che gli anziani devono affrontare per godere di una piena cittadinanza. Una questione sempre più al centro del dibattito pubblico, con sollecitazioni anche sugli organi di stampa, che necessità di un intervento deciso da parte delle istituzioni. Gli anziani hanno il diritto di non essere lasciati soli.
Sono davvero molte le persone che lo Spi di Lecco, tramite le sue 17 sedi e 25 permanenze nel territorio, incontra e con cui si confronta quotidianamente.

Oltre alle note ed evidenti problematiche di carattere economico, sociale e sanitario, c’è un tema sottovalutato ma sempre più urgente, che richiede progettazione e investimenti mirati: il divario digitale. Due semplici parole che celano un disagio profondo in una parte rilevante della popolazione, in particolare tra gli anziani. Il non saper utilizzare i tanti e sempre nuovi strumenti tecnologici indispensabili per la vita moderna, riduce l’autonomia degli individui, aumenta il senso di emarginazione, genera frustrazione e rabbia, e rappresenta un oggettivo fattore di diseguaglianza che limita di fatto l’accesso a una piena cittadinanza. Troppe volte le persone che si presentano agli sportelli dello Spi non sono in grado di gestire in autonomia le spesso complicate pratiche burocratiche che devono necessariamente essere portate a termine per usufruire di un diritto.

“Noi continueremo a insistere affinché la Pubblica Amministrazione si faccia carico della questione – spiega Pinuccia Cogliardi, segretaria generale dello Spi Cgil Lecco – Non è pensabile affidare la soluzione alla disponibilità individuale, questo è a pieno titolo un problema sociale che esige una risposta di sistema. Lo chiederemo ancora convintamente in fase di negoziazione: il cittadino non può potersi affidare solo alla disponibilità di un parente, di un conoscente o di un funzionario, per effettuare quelle procedure informatiche fondamentali per svolgere delle pratiche. Deve avere un luogo e un tempo, in altre parole uno sportello dedicato, dove poter essere affiancato nella realizzazione dei suoi diritti. Queste persone non devono in alcun modo sentirsi in obbligo di scusarsi perché non sono in grado di rispondere adeguatamente alle sempre più complesse abilità digitali richieste, al contrario devono esigere il necessario accompagnamento.

Spesso sono anziani che hanno pagato e pagano le tasse fino all’ultimo euro, quelle prestazioni, che ormai vengono gestite online nella quasi totalità, le hanno pagate tutte e più di altri, avere il giusto sostegno per accedervi è un loro diritto, non una concessione. La pubblica amministrazione legittimamente utilizza sempre più la tecnologia, ma sembra dimenticarsi del concetto di servizio pubblico, scaricando in modo più o meno consapevole ai cittadini e alle associazioni l’onere di una gestione sempre più complessa. Questa è una rivendicazione che sosterremo con determinazione, e siccome a noi piace essere poco polemici e molto costruttivi, continueremo a lavorare con altrettanta decisione anche per chiedere sempre più corsi di alfabetizzazione informatica. A tal proposito, siamo molto orgogliosi della collaborazione instaurata con alcuni Istituti Superiori della provincia per insegnare ai nostri anziani a usare il computer e non solo. Un importante esempio di scambio intergenerazionale, che aiuta la terza età ma fa crescere anche i giovani studenti, diventati per insegnanti per l’occasione.”

SPI CGIL

Articoli correlati

A Lecco il Congresso di Oceanologia

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Acqua: elemento vitale, risorsa essenziale. Condividere la conoscenza per affrontare il cambiamento. Dal 24 al 28 giugno prossimi, nella sala don Ticozzi di Lecco, si…

Una donna alla guida dell’Università Cattolica di Milano

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             BECCALLI NOMINATA RETTRICE UNIVERSITÀ CATTOLICA, PRESIDENTE FONTANA: DONNA DI GRANDE VALORE, REGIONE LOMBARDIA PRONTA A COLLABORARE “Mi complimento con la professoressa Elena Beccalli per la…

A Bergamo la Consulta per il Dialogo Interreligioso

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Si è insediata ieri a Bergamo, nella chiesa degli Ex Ospedali Riuniti, la Consulta regionale per l’integrazione e la promozione del dialogo interreligioso, presieduta per…

Anche la Valsassina nei progetti di Servizio Civile

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE: PRESENTATI PROGRAMMI E PROGETTI La Provincia di Lecco ha depositato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della Gioventù e del Servizio…

Trasporto bici anche in Pullman

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Trasporto bici anche in Pullman

6 Giugno 1944, Il Giorno più lungo

Condividi l'articolo

Condividi l'articolo             Certamente oggi è un giorno storico, che ha segnato lo svolgimento della II Guerra Mondiale: ottanta anni dal “Giorno più lungo” il D-DAY , lo…